Categorie
Community

Come funziona il senso di appartenenza, spiegato semplice

Che cosa che porta un nuova persona a sentirsi piano piano sempre più parte del gruppo

I miei figli quest’estate hanno frequentato i centri estivi, entrambi sono entrati in gruppi di bambini che non conoscevano. L’unica cosa che sapevano è che babbo e mamma li avevano portati li per giocare.

Uno dei due è stato più fortunato ha riconosciuto subito una sua compagna di classe e questo l’ha aiutato ad inserirsi subito, l’altro invece no, ma questo non l’ha fermato dal buttarsi nella mischia.
Entrambi fin dai primi momenti, si sono sentiti appartenere al gruppo.
Ovviamente gran parte del merito va agli educatori che gestiscono questo processo e tramite alcune tecniche riescono a coinvolgere i bambini fin da subito.

Il gioco ovviamente è una grandissima forza attrattiva per un bambino, se gli prospetti un’attività in cui può mettersi alla prova, confrontarsi con gli altri o vincere una gara.. l’hai subito conquistato.

Un gruppo di bambini che gioca è una piccola comunità, infatti nelle community il processo di “appartenenza” è molto simile e mi sono sempre chiesto che cosa che porti un nuova persona a sentirsi piano piano sempre più parte del gruppo, sempre più coinvolta, partecipe e attiva.

Una pietra miliare della letteratura delle community è lo studio sul senso di appartenenza dello psicologo David McMillan

Egli sostiene che si più parlare di community e appartenenza solo se co-esistono queste 4 condizioni:

  • membership
  • influenza
  • soddisfazione dei bisogni
  • connessione emozionale condivisa

Vediamo nello specifico che cosa queste significhino.

Membership

Con membership si intende quel sentimento, quel legame, quel senso di appartenenza che percepisco nei confronti del gruppo di miei simili.

Ovviamente se sono un bimbo di 4 anni e vengo messo in un gruppo di ragazzini di 12 farò fatica a sentire questo sentimento.
Se invece capisco che tra me e il gruppo ci sono affinità, persone che giocano come me o parlano come me ecco che che mi sento subito a mio agio

Influenza

E’ quando capisci che stai facendo la differenza all’interno del gruppo. Una cosa che dici riscuote il consenso popolare, il gruppo va a cena in un certo posto perché l’hai proposto tu, una tua iniziativa viene elogiata o messa in evidenza dai leader del gruppo.

Oppure al contrario, il gruppo ha influenza su di te, fai determinate scelte perché il gruppo le fa: giochi a calcio perché tutti giocano a calcio, oppure guardi una serie TV perché tutti lo fanno.

Soddisfazione dei bisogni

Accade quando trovi quello che cerchi all’interno del gruppo. Vuoi divertirti e ti aggreghi un gruppo con cui giocare, vuoi rafforzare la tua creatività e trovi un community che ti dà un sacco di stimoli, devi imparare a correre e aderisci una comitiva di runner esperti.
Se il gruppo soddisfa i miei bisogni, sarò sempre più spinto a restare e partecipare.

Connessione emozionale condivisa

Quando le persone che fanno parte del gruppo condividono la tua storia o hanno vissuto esperienze simili alle tue. Avete passato del tempo insieme, avete partecipato ad eventi e iniziative. I meeting dal vivo giocano un ruolo molto importante in questo: una conferenza, una cena, una partita, un week-end in tenda.

Avete creato dei link emozionali, avete vissuto momenti importanti, condiviso difficoltà o passato serate a chiacchierare.
Tutto questo crea connessioni emozionali e ovviamente community.

Se vuoi far sentire una persona sempre più coinvolta e “attaccata” al gruppo dovrai agire almeno su una di queste sfere. Ma la cosa migliore sarebbe lavorare su tutte contemporaneamente:

  • creare un gruppo di simili
  • che soddisfa bisogni importanti
  • dove ognuno può influenzare le scelte del gruppo
  • e crea connessioni emozionali grazie ad esperienze dal vivo

Non è nulla di complicato, basta guardare i bambini come giocano, loro sono molto più bravi di noi a creare comunità e senso di appartenenza da zero.
Una palla, uno scivolo o fare ad “acchiapparella”.
Vuoi giocare con me? Bastano veramente pochi secondi.